Il dolcificante nel caffè non fa miracoli

I dolcificanti sono utili nella dieta oppure no? Per la prima volta la scienza è riuscita a rispondere in modo esatto a questa domanda.

Non esistono infatti prove che dimostrino i benefici dei dolcificanti sulla salute (e sulla linea) rispetto al normale zucchero. Non solo: gli studiosi non escludono nemmeno che questo alimento possa addirittura danneggiarci. Lo svela una ricerca realizzata dalla Cochrane Foundation e apparsa sulla rivista BMJ.

Spesso chi si mette a dieta sceglie di rinunciare allo zucchero bianco e punta su altri dolcificanti nel tentativo di tagliare le calorie e perdere peso in fretta. I dolcificanti però sono finiti spesso sotto accusa, poiché molti esperti sono convinti che non siano efficaci nel favorire il dimagrimento e che, al contrario, possano risultare dannosi. Per scoprire i reali effetti di questo alimento sul nostro corpo, gli studiosi hanno preso in considerazione 56 studi realizzati su zuccheri e dolcificanti somministrati a bambini e adulti.

Il risultato? Nel complesso sembra che non ci siano differenze cliniche fra chi consuma lo zucchero e chi invece sceglie i dolcificanti. Ciò significa che non esistono ad oggi prove scientifiche in grado di supportare i benefici derivanti dal consumo di dolcificanti soprattutto nel lungo periodo.

Ma non è finita qui, perché uno studio svolto qualche tempo fa da alcuni ricercatori canadese e pubblicato sul Canadian Medical Association Journal (CMAJ), aveva dimostrato che chi sceglie di sostituire lo zucchero con i dolcificanti rischia addirittura di ingrassare e di essere esposto a malattie cardiache, pressione alta e obesità. Si tratta degli stessi effetti causati dal consumo dello zucchero, che più di una volta è stato condannato dall’intera comunità scientifica.

Cosa fare dunque? Il consiglio più utile è quello di ridurre semplicemente lo zucchero, senza sostituirlo con nessun surrogato artificiale. Ci vorrà del tempo per abituarsi, soprattutto perché questo alimento (presente quasi ovunque) creauna forte dipendenza, ma con costanza e forza di volontà imparerete a convivere senza lo zucchero, limitando le dosi assunte quotidianamente.

 

 

 

 

 

 

 

Fonte: Libero.it