Michele Placido, la moglie: “Non ci siamo mai detti addio”

“Non ci siamo mai detti addio”.  Federica Vincenti, la moglie 34enne di Michele Placido, 71 anni, dopo una intervista a “Vanity Fair” in cui raccontava il momento delicato che starebbe attraversando la coppia per la differenza d’età (37 anni), smentisce con una lettera al magazine la crisi: “Le mie parole sono state travisate”.

Non ho mai detto di aver lasciato mio marito Michele Placido, nessuno ha cacciato di casa nessuno, non c’è stato nessun addio, nessun capolinea. Soprattutto a tutela di nostro figlio (Gabriele, 11 anni, ndr), mi dissocio da questo ingigantimento del nulla di cui sono vittima, in una grande bolla. Nel raccontare il mio riprendere in mano la mia vita dal punto di vista artistico, ho solamente condiviso anche un tema che pensavo potesse interessare a tante donne e uomini, parlando semplicemente della trasformazione di un rapporto: che cosa significa stare con un uomo con cui sei cresciuta in un amore che subisce per forza di cose cambiamenti, momenti difficili. Ma chi non li attraversa?”, scrive nella lettera aperta.

“L’amore cambia. Quando è agli inizi non ci pensi: che un giorno quella differenza d’età vi dividerà per forza di cose, che tra voi ci sarà la vecchiaia, e che sarà abissale… si è allargata, piano piano – sono le parole riportate da Vanity Fair – Fino a farsi voragine, non a distruggerci, ma a governare lei… Cambia il corpo, cambiano le forze. Cambia la testa, può togliere i pensieri e il ricordo a un uomo che ha fatto la cultura nel mondo al pari di mostri d’intelletto come Monicelli, Albertazzi. Cambiano i desideri. Le voglie non sono più comuni. E’ raro che usciamo, ma l’altra sera per esempio eravamo a un concerto di Ermal Meta. Ballavo. Mi ha guardato: ‘Fede, ma che stai a fà? Che te balli?'”. Federica però sottolineava di non avere nessuna intenzione di troncare i rapporti con Placido: “L’uomo della mia vita e padre di mio figlio resta l’uomo della mia vita e il padre di mio figlio anche nell’allontanarci, anche a stagione dell’amore finita… Continueremo a lavorare insieme, artisticamente. A cenare insieme tutte le sere, con lui che cucina la peperonata e io la parmigiana di melanzane. A educare nostro figlio… Non sono attratta da uomini più giovani. I quarantenni mi fanno tristezza. Mi annoiano. Mentre Michele non mi lascia alcun amaro in bocca”.

 

 

Fonte: Tgcom24.it