Ora legale, niente abolizione. Strasburgo: “Serve una valutazione approfondita”

Niente abolizione, l’ora legale resterà ancora in vigore in tutti i paesi dell’Unione Europea. A Strasburgo, infatti, è stata discussa oggi una risoluzione che invita la Commissione europea a “interrompere l’attuale cambiamento semestrale dell’ora” e abolire così il passaggio dall’ora solare a quella legale. Il risultato: quello di una modifica con emendamenti che ne hanno notevolmente diminuito la portata.

Il Parlamento europeo ha deciso di chiedere alla Commissione europea non più una vera e propria abolizione dell’ora legale, bensì «una valutazione approfondita che possa portare a proporre eventualmente una modifica» della direttiva Ue del 2000, che regola l’alternanza tra ora legale e solare nella Ue.

La risoluzione, che porta la firma di Karima Delli, deputata francese del gruppo Ale e presidente della Commissione per i Trasposti e il Turismo, nasce in considerazione di “numerosi studi scientifici, tra cui lo studio dei Servizi di ricerca del Parlamento europeo, dell’ottobre 2017, sulle disposizioni dell’Ue relative all’ora legale a norma della direttiva 2000/84/CE” che “non sono riusciti a dimostrare alcun effetto positivo del cambiamento semestrale dell’ora”.
“Al contrario – si legge nel testo – hanno segnalato l’esistenza dieffetti negativi sulla salute umana, l’agricoltura e la sicurezza della circolazione stradale”. Inoltre, “diverse iniziative dei cittadini hanno evidenziato le preoccupazioni esistenti quanto al cambiamento semestrale dell’ora”.
“Una volta interrotto il cambiamento semestrale dell’ora – recita la risoluzione – sarebbe opportuno mantenere un regime orario uniforme a livello dell’Ue”.

 

 

Fonte: Leggo.it