Virginia Raffaele a Sanremo 2018 per la terza volta al Festival?

È ormai diventata una veterana del Festival, dunque l’eventale ritorno di Virginia Raffaele a Sanremo 2018 come super ospite in una delle prossime serate non rappresenterebbe certo una novità.

Gira voce ormai da giorni che l’attrice e imitatrice romana possa ritornare sul palco dell’Ariston ancora una volta dopo essere stata indiscussa protagonista delle ultime edizioni: la proposta da parte della direzione della kermesse c’è stata eccome, confermano dalla Rai, ma manca ancora l’annuncio ufficiale. Nel 2016 la Raffaele è stata scelta da Carlo Conti come sua co-conduttrice per la 66a edizione del Festival insieme agli attori Gabriel Garko e Madalina Ghenea: rivelazione di quell’anno, ha portato sul palco una serie di imitazioni (Sabrina Ferilli, Carla Fracci, Donatella Versace, Belen Rodriguez) in ciascuna delle 5 serate. Ospite del Festival anche nel 2017, altra edizione targata Conti, ha imitato l’attrice Sandra Milo, attirandosi non poche polemiche da parte della sua famiglia.

Sanremo le ha indubbiamente spalancato le porte della tv: dopo il Festival è arrivato lo spettacolo in onda su Rai2 lo scorso maggio, Facciamo che io ero, il suo primo show televisivo che ha condotto e ideato lei stessa ispirandosi in parte allo spettacolo teatrale Performance, one woman show con cui ha girato i teatri d’Italia dal 2015.

Nella conferenza stampa del martedì a Sanremo il direttore di Rai 1 Angelo Teodoli ha detto di sperare nel miracolo di poter riportare la Raffaele all’Ariston anche quest’anno, per la terza volta consecutiva: “Sono cattolico, credo nei miracoli speriamo che i miracoli si avverino dice Teodoli“. Non ci sarà invece sul palco di Sanremo 2018 Giorgio Panariello, che era già stato ospite dell’edizione 2016 di Conti insieme a Leonardo Pieraccioni.

La Raffaele sarebbe l’altro colpaccio di Baglioni per questo Sanremo dopo l’incursione di Fiorello, già mattatore della prima serata e probabilmente ospite anche della finale di sabato 10 febbraio.

Fonte: Optimagazine.it